I bisogni delle famiglie e dei cassinati è sempre maggiore, la profonda crisi economica e occupazionale acuita dall'emergenza sanitaria che da oltre un anno si è abbattuta sulla società, rende per olti difficile la gestione dei bisogni primari. Anziani, bambini ma anche persone sole, adulti, che hanno difficoltà a mettere qualcosa in tavola giorno dopo giorno.

Così il gruppo #stattallacasa, una grandissima "famiglia" nata sui social proprio un anno fa durante il primo lockdown, ha organizzato una raccolta alimentare per sostenere l'attività della parrocchia di Sant'Antonio.
«La prima raccolta è andata bene. Don Benedetto e don Francesco vi ringraziano per il vostro buon cuore ha commentato sui social Salvatore Polselli, promotore dell'iniziativa La raccolta continua sempre nel supermercato Pietroluongo e Conad (Archi). Nei prossimi giorni ci saranno altri supermercati dove poter fare la vostra opera di beneficenza. Se potete servirebbero zucchero e cose per i bambini (pannolini, omogenizzati». Grazie Cassino.