Rifiuti abbandonati un po' ovunque, continuano gli episodi di abbandono indiscriminato di immondizia di ogni tipo. Materiali di risulta, plastica, cartoni e contenitori di plastica e latta che vengono lasciati in luoghi più o meno raggiungibili o visibili in un continuo aumento di un fenomeno che vede protagonisti residenti e non, adulti, anziani e ragazzi. Così all'improvviso dalle strade di periferia, dai sentieri che costeggiano Montecassino, dai vialetti che si dipanano dal fiume, cumuli di rifiuti, uno schiaffo all'ambiente, uno schiaffo alla salute pubblica e al rispetto dei beni comuni, quelli che appartengono alla comunità e che vengono, a volte, deturpati in maniera devastante.

Eppure in città esiste un'isola ecologica attiva ormai da un anno, dove poter lasciare le diverse frazioni di rifiuti, gli ingombranti, immondizia da smaltire in maniera adeguata. Ma sui social le foto che testimoniano questi episodi sono pubblicate quotidianamente, solo qualche giorno fa le immagini di una donna, presumibilmente moto giovane, che si liberava dei rifiuti lungo una strada a poca distanza da abitazioni private hanno fatto il giro delle chat e non solo. Se spesso si dice che sia una questione culturale, più semplicemente viene da pensare che più che di cultura si tratta di sensibilità e intelligenza, prima ancora che di rispetto pergli altri.

«Ci sono persone che caricano in auto elettrodomestici, anche molto grandi, e li abbandonano in mezzo al verde, lo stesso spazio che magari loro stessi, i figli, gli amici usano per le attività all'aria aperta commenta un anziano amareggiato per poi commentare sui social, criticare ed emettere sentenze e giudizi su altri. Basterebbe così poco, usare i mezzi adeguati e usufruire dell'isola ecologica per avere una città migliore».