È scomparso improvvisamente a 68 anni Luciano Sarda, il creatore indiscusso del Festival folk
che ogni anno, da oltre quattro decenni, riunisce nella Valle di Comino gruppi folcloristici provenienti da tutto il mondo.

Molti gli attestati di stima che amici, conoscenti e amministratori stanno tributando in queste
ore alla persona di Luciano Sarda: "Un uomo che ha dedicato la sua vita, oltre che alla sua famiglia, a
coltivare con impegno, passione e sacrificio l'amore per Atina e per tutte quelle tradizioni popolari di
tutto il nostro territorio", ha scritto in un messaggio di ricordo il sindaco di Atina, Adolfo Valente, aggiungendo: "Grande il merito per aver avuto un ruolo fondamentale nel far conoscere Atina e tutte le sue eccellenze in tutta Italia e in diverse zone del mondo. Ha creato un'associazione che ha visto crescere intere generazioni e coinvolto tantissimi bambini. Grazie Luciano, il tuo nome rimarrà per sempre scolpito nelle
pagine della nostra storia".

Anche il mondo della politica riconosce il prezioso ruolo svolto da Sarda e dal suo gruppo folk per aver fatto conoscere Atina nel mondo portando con sè tradizioni, usi, costumi e messaggi di pace e fratellanza. «Ha speso una vita per la nostra Valle, per la musica e
lo spettacolo, per le tradizioni, per la cultura - ha detto il vicepresidente del consiglio provinciale
Luigi Vacana - Ha portato il Festival del folklore Valle di Comino al traguardo delle quaranta edizioni. Un uomo gentile, un Signore vero. A tutti noi lascia il testimone
più importante: promuovere e sostenere la cultura, perché senza di essa non c'è futuro. Lui è lì e ci guiderà dall'alto, per rendere eterni i valori della bellezza».