Finanziata la progettazione definitiva ed esecutiva degli interventi in via Riviera Liri, all'ex cartiera e sul fosso Sant'Antonio. Si tratta di tre grandi progetti: frana a via Riviera Liri con analisi preliminare dei dissesti idrogeologici e stima delle opere proposte per la mitigazione del rischio, crollo parziale località cartiera e problematiche idrauliche del fosso Sant'Antonio.

Recentemente quest'ultimo progetto è stato finanziato, per cui ora si attende la disponibilità delle somme necessarie per la realizzazione degli altri due.
Consistenti sono gli investimenti previsti: 2.900.000 euro per via Riviera Liri, oltre 1.600.000 euro per l'ex cartiera e 495.000 euro per il fosso Sant'Antonio.
La progettazione prevede l'esecuzione di opere atte a garantire la messa in sicurezza del territorio comunale, azioni fondamentali per la difesa e la tutela dell'ambiente e del suolo, accompagnate parallelamente da un'attività di verifica e monitoraggio in quanto, trattandosi di situazioni in costante evoluzione, i controlli continui diventano indispensabili.

I tre interventi proposti interessano zone centrali del territorio cepranese, aree in prossimità di insediamenti che chiaramente sono prioritari anche per la costante azione corrosiva a danno delle sponde. Un intervento importante è stato effettuato in passato sulla frana Santa Lucia che metteva a rischio le costruzioni sovrastanti di via Campidoglio, area oggi monitorata per tracciare con precisione l'evolversi della situazione spondale. Altre opere sono state effettuate in via Muto e in altre zone decentrate.

È in corso l'intervento in località Limatelle, non lontano dal centro, e presto si aprirà il cantiere sul Fosso Sant'Antonio, a ridosso del centro, interessato di recente da opere di manutenzione straordinaria che hanno ripristinato condizioni di sicurezza e decoro.
Dunque l'attenzione su frane e smottamenti e sul dissesto idrogeologico è alta e la situazione viene costantemente monitorata, intervenendo con urgenza in base alle priorità laddove le condizioni lo richiedono.