Dallo scorso 13 febbraio non si hanno più notizie di Elisa Macciocca, 51 anni, residente nel centro storico.
Quel giorno Elisa, partita in treno intercity da Foggia, sarebbe dovuta arrivare alla stazione di Frosinone, dove ad attenderla c'era il fratello Fabio. Solo che a Frosinone la donna non è mai scesa e nessuno sa se abbia proseguito il viaggio fino a giungere a Roma oppure se abbia interrotto il percorso in qualche stazione precedente.

L'allarme dei familiari
Giustamente preoccupati i familiari, che hanno presentato una denuncia di scomparsa presso i Carabinieri e hanno interpellato la nota trasmissione televisiva "Chi l'ha visto?", nella speranza di ottenere informazioni o indicazioni per ritrovare la loro congiunta.
Elisa da anni ha scelto di vivere un'esistenza tutta sua, lontana dai "rumori" della vita contemporanea, seguendo la sua propensione per la fede religiosa che l'ha portata a frequentare santuari e parrocchie in Italia e all'estero.

Negli ultimi mesi, è stata ospitata presso il complesso monastico di Santa Maria di Pulsano, sul Gargano: da qui, dopo un malore, è stata ricoverata a Foggia, città dalla quale – come detto – è poi ripartita senza mai far ritorno in Ciociaria. Ci sono state segnalazioni che indicherebbero la sua presenza nella Capitale, ma sono testimonianze tutte da valutare per attendibilità.
I familiari di Elisa hanno sempre accettato il suo stile di vita, non ostacolandola ma rimanendo sempre attenti affinché non si trovasse in difficoltà o in stato di bisogno. Ora, sono in apprensione perché la donna non ha modo di comunicare con loro, in quanto sprovvista di un telefono cellulare.

Al momento della scomparsa, Elisa Macciocca indossava dei leggings blu e una maglia dal collo alto, sempre di colore blu, inoltre si muove con un trolley in cui conserva le sue cose. Chiunque abbia informazioni valide è pregato di avvisare i familiari o di rivolgersi ai Carabinieri. Dov'è Elisa?