Il consigliere comunale di Ceprano Marco Colucci interviene nuovamente a sostegno della vaccinazione alle persone fragili. E spiega: «Ogni giorno leggiamo che le persone che muoiono hanno patologie, come se fosse una giustificazione dire è morto però "aveva patologie". Mio padre, mia nonna e tante persone che conosco hanno patologie da anni: diabete, ipertensione, patologie oncologiche, cardiologiche. Posso continuare per ore a fare un elenco di malattie. Avete sempre detto che bisogna tutelare prima le persone "fragili", ma la campagna di vaccinazione è lenta, soprattutto non arrivano le risposte che noi vorremo avere.

Ognuno di noi è disposto anche a pagarlo il vaccino per mettere al riparo le persone fragili, perché la verità è che abbiamo paura che il virus possa colpire loro, perché si tratta di persone che già hanno bisogno di terapia tutti i giorni per sopravvive alle proprie patologie. Sono stanco di leggere che dobbiamo aspettare, ho paura per loro perché già soffrono e in questo momento ancor di più. Basta fare annunci. Siamo stufi soprattutto di quelli. Sono stanco e preoccupato come milioni di Italiani, vi prego: vaccinate le persone fragili!».

Ieri, intanto, hanno preso avvio le prime vaccinazioni al policlinico di Tor Vergata, tra le prime strutture in Italia, rivolte agli autistici gravi e ai loro caregiver. Presenti l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato e il direttore generale del Policlinico di Tor Vergata, Giuseppe Quintavalle ed il rettore Orazio Schillaci. Un atto di attenzione importante ai pazienti con grave disabilità e ai loro caregiver in risposta all'appello lanciato dalle maggiori associazioni che difendono i diritti delle famiglie con persone disabili a carico. Nei prossimi giorni con l'arrivo delle altre dosi verrà estesa la vaccinazione», ha dichiarato D'Amato.