La Giunta Sementilli ha approvato lo schema del progetto "Legami felici" in relazione all'avviso pubblico per il finanziamento delle iniziative rivolte al contrasto della povertà educativa e il sostegno delle opportunità culturali dei minorenni.

Il 1 dicembre 2020 la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento delle Politiche per la famiglia, ha emanato l'avviso pubblico per finanziare i progetti per il contrasto della povertà educativa e il sostegno delle opportunità culturali dei minori denominato "Educare in comune". L'avviso è finalizzato a contrastare la povertà educativa e l'esclusione sociale di bambini e ragazzi, in un momento in cui l'emergenza sanitaria ha incrementato le disuguaglianze, le fragilità e il divario socio-economico.

Si tratta dunque di un bando che vuole promuovere interventi, anche sperimentali, per il contrasto della povertà educativa e il sostegno delle opportunità culturali-formative dei minorenni, potenziando le capacità di intervento dei Comuni in tali settori. Gli enti locali, infatti, sono chiamati a riappropriarsi del ruolo di protagonisti della comunità educante, per consolidare sul territorio modelli e servizi di welfare in cui i ragazzi e le famiglie risultino attori degli stessi processi educativi.

I progetti promuovono lo sviluppo delle potenzialità fisiche, cognitive, emotive e sociali dei minorenni inserendoli nel tessuto sociale, superando le differenze culturali, etniche e di genere esistenti. Un progetto ambizioso che impegna l'intera comunità di Ripi e offre un'occasione valida per ridisegnare ruoli sociali a volte trascurati.