E' stato fissato per venerdì l'interrogatorio di Osvaldo V. il cugino di Romeo Bondanese ucciso nel corso di una rissa. L'interrogatorio si terrà, presso la Procura per i Minorenni di Roma. Il giovane, anche lui è rimasto ferito nella drammatica dinamica omicidiaria in cui ha perso la vita il cugino. Il ragazzo si presenterà, assistito ed accompagnato dal difensore di fiducia, l'avvocato Vincenzo Macari, dinanzi al sostituto procuratore titolare dell'indagine per omicidio e rissa aggravata, la dottoressa Maria Perna, al fine di operare la propria ricostruzione dei fatti, circa la quale, allo stato, vi è assoluto riserbo. La sua versione dei fatti, infatti, sarà determinante per la ricostruzione dei fatti.

La Procura di Cassino ha inoltre separato i due procedimenti penali, distinguendo quello per omicidio, che concede una tempistica più breve per evitare la scadenza dei termini cautelari, da quello per rissa aggravata che potrebbe richiedere più tempo e che diversamente vede gli indagati a piede libero. Le indagini da parte degli uomini del vicequestore del commissariato di Formia, Aurelio Metelli, procedono serrate con l'obiettivo di ricostruire modalità e ruoli dell'aggressione perpetrata ai danni di Bondanese.

Il gip della Procura presso il Tribunale dei Minorenni di Roma, ha predisposto il provvedimento per il giovane C.B., difeso dagli avvocati Luigi Tecchia e Giuseppe Biondi del Foro di Napoli, in misura cautelare gli arresti domiciliari nell'abitazione dei genitori. L'ipotesi di reato è omicidio preterintenzionale e lesioni gravissime, ai danni del cugino della vittima.