Fermati contromano lungo corso della Repubblica, finiscono nei guai per droga. Uno dei ragazzi coinvolti sceglie l'abbreviato e viene assolto perché il fatto non costituisce reato. La decisione è giunta nelle scorse settimane: il giudice, in accoglimento delle tesi e delle istanze dell'avvocato Anna Coppola, ha assolto con formula piena il giovane.

Gli altri due che si trovavano in auto con lui, che invece hanno scelto un rito ordinario, stanno affrontando il processo.

Ricordiamo che i tre giovani vennero fermati il 2 aprile del 2019 a Cassino in pieno centro mentre percorrevano il corso contromano. E dalla perquisizione effettuata era saltata fuori - avvolta in una busta di plastica della spesa - la sostanza stupefacente: cinquecento grammi di cannabis, 56 dosi dalle analisi effettuate.

Per i giovani di Nepi tra i 20 e i 25 anni nell'immediatezza, l'obbligo di dimora. Le indagini hanno dimostrato che nelle abitazioni dei giovani non vi fossero strumenti né materiale da taglio. Nessuno, poi, ne ha dichiarato il possesso: l'attività di riscontro è andata avanti. Quindi l'apertura del procedimento e la scelta di uno dei giovani di un rito abbreviato: assolto.