Voto di scambio, depositata la trascrizione del contenuto di telefoni e pc dei tre indagati. E sempre ieri in tarda mattinata sono stati rimessi gli atti al pm.
Ancora un'udienza (in seno all'incidente probatorio) per il caso giudiziario che ha coinvolto l'ex commissario dell'Ater ed ex sindaco Sergio Cippitelli, la sua ex segretaria Loredana Iacoboni e il vice sindaco di Broccostella Antonio Conte, assistiti dagli avvocati Sandro Salera e Gianrico Ranaldi.

Nell'udienza di ieri davanti al dottor Di Croce sono state depositate le trascrizioni richieste sul contenuto dei telefoni degli indagati e dei loro pc: 90 i giorni necessari al perito per eseguire l'attività. E ora gli atti sono stati rimessi al pm, il dottor De Franco, che dovrà vagliare l'intero materiale.

La bufera giudiziaria
L'ipotesi dell'accusa è il voto di scambio. La procura di Cassino avrebbe aperto un fascicolo per corruzione elettorale e altri reati collegati relativi alle elezioni comunali dell'anno scorso, a cui Cippitelli ha partecipato come candidato consigliere dopo tre mandati consecutivi da sindaco. Per ricostruire l'avvio dell'inchiesta bisogna risalire all'indomani delle elezioni comunali, quando dai banchi dell'attuale opposizione partì un esposto che evidenziava delle irregolarità.

Le forze dell'ordine hanno così messo in moto un'azione investigativa che ha portato ad aprire un fascicolo in cui è stato iscritto anche il nome dell'ex commissario Ater, giunto a naturale scadenza di mandato a novembre. L'operazione dei finanzieri del comando provinciale di Frosinone, coordinati dal dottor De Franco della procura della Repubblica di Cassino, portò all'esecuzione all'alba dello scorso mese di luglio di una decina di perquisizioni in varie località della provincia di Frosinone (Frosinone, Sora, Broccostella, Monte San Giovanni Campano e Alvito). Con il sequestro di alcuni documenti e supporti informatici.