Le attività didattiche nella scuola media "Bernadette" di via Aldo Moro a Pontecorvo saranno sospese fino a data da destinarsi. Una decisione d'urgenza adottata ieri dopo che il dirigente scolastico Angelo Urgera ha scritto al primo cittadino Anselmo Rotondo.
Una lettera con cui il dirigente comunica un nuovo caso di positività tra la popolazione scolastica. Un fatto che ha posto in isolamento due classi con i relativi professori. Saranno quindi in isolamento fino al 27 marzo un totale di tredici insegnanti e quarantasei studenti. Numeri enormi che non consentono di poter svolgere le attività didattiche in presenza.

Per questo motivo il primo cittadino ha adottato un'ordinanza - nelle more di ulteriori scelte provinciali che potrebbero subentrare - con cui ha disposto la sospensione delle attività didattiche fino a data da destinarsi.
Una situazione difficile quella che si vive all'interno delle scuole seguita costantemente da Rotondo e dall'assessore alla pubblica istruzione Annagrazia Longo che stanno seguendo quotidianamente l'evolversi della situazione pronti a intervenire in ogni momento.

Ma la situazione dei contagi continua a destare forti preoccupazioni, sono 28 i positivi attuali mentre da inizio pandemia la città ha avuto 17 decessi. E allora il primo cittadino, anche in virtù della zona arancione per l'intera provincia, ha lanciato un nuovo appello a mantenere comportamenti adeguati per la tutela di tutti. Come lo stesso sindaco Rotondo ha sottolineato in questo momento c'è il rischio «varianti» e l'unico modo per contrastarle è quello di adottare dei comportamenti idonei. Invita tutti alla cautela affermando che è pronto a intervenire in qualunque momento. E a tal proposito ha ringraziato anche le forze dell'ordine per i controlli costanti che stanno ponendo in essere.

L'allerta è alta anche in tutta la Valle dei Santi.
A Castelnuovo Parano, oggi riapre solo la scuola primaria, mentre i piccoli dell'infanzia continueranno con la didattica a distanza intrapresa da venerdì a seguito della chiusura dell'edificio per sanificazione precauzionale. Il sindaco Oreste De Bellis, infatti, che a gennaio ha dovuto fermare le scuole per un paio di settimane, non vuole correre rischi. L'ordinanza impone la chiusura per oggi e domani. Ora i casi sono a quota venti.

Anche a San Giorgio a Liri, 12 gli attuali positivi in paese, la scuola dell'infanzia resta chiusa, come stabilisce l'ordinanza del sindaco Francesco Lavalle che ha dovuto prendere la decisione a seguito dell'accertamento di un caso di positività tra le insegnanti. Lo stop delle attività didattiche in presenza durerà fino a giovedì. La situazione è tanto allarmante che il quadro cambia di ora in ora. Nella tarda serata di ieri il sindaco Lavalle ha disposto anche la chiusura di una sezione della scuola Media a seguito dell'accertamento di un alunno positivo.