Comincia oggi nel Lazio la vaccinazione degli assistiti su chiamata attiva da parte dei medici di famiglia. Si legge sul sito salutelazio.it: «Ciascun medico aderente alla campagna arruolerà, tra i propri assistiti, la popolazione eleggibile alla vaccinazione, attenendosi al piano e al calendario vaccinale vigente e utilizzando, compatibilmente con la disponibilità di prodotto, la tipologia di vaccino indicato per la specifica categoria».

E ancora: «Con la disponibilità del vaccino di AstraZeneca, indicato per la fascia di età tra i 18 e i 65 anni (ad eccezione delle persone estremamente vulnerabili), l'avvio della vaccinazione a cura dei medici di famiglia riguarderà in particolare questa fascia di popolazione. Le vaccinazioni avverranno nell'ambulatorio del medico o presso il domicilio dei pazienti non autosufficienti che non sono in grado di raggiungere in maniera autonoma lo studio medico o un altro punto sanitario di vaccinazione». Si inizia con le persone nate nel 1956 (i sessantacinquenni). Caterina Pizzutelli, responsabile provinciale della Fimmg, spiega:

«Comincerò domani (ndr: oggi per chi legge) o martedì. Dipende da quando la Asl mi consegnerà le prime 11 dosi di vaccino AstraZeneca. Quanti medici di famiglia hanno aderito in provincia di Frosinone? Finora circa 180, ma penso che arriveremo a 350. Su un totale di 400. La procedura è complessa, ma molto dipenderà dalla disponibilità dei vaccini».
In provincia di Frosinone finora sono state somministrate 29.487 dosi di vaccino. Nel Lazio 421.475 (9.694 ieri). Mentre in Ciociaria sono 31.314 le prenotazioni per la vaccinazione degli over 80 anni.