La nostra città ha oltre 500 chilometri di strade, la maggior parte è in condizioni disastrose perché non c'è mai stata programmazione delle utenze: una strada veniva asfaltata e, subito dopo, rotta per far passare i fornitori di servizi. Va da sé che è impossibile riasfaltare tutto in breve tempo. Solo con una seria programmazione, si potranno alleviare i disagi per la viabilità», lo dice Antonio Colella della lista civica "Prospettiva futura".

Una considerazione che fa il paio con un'altra, più amara: «La politica attuale assomiglia terribilmente a quella di quaranta anni fa, quando veniva premiato elettoralmente chi provvedeva all'asfalto o al lampione.
Sui social network è una continua lamentela, non solo da parte dei cittadini ma soprattutto da persone che parteciperanno alla prossima tornata elettorale, che promettono falsamente la sistemazione di taluna strada».

Il movimento "Prospettiva futura" vuole spostare il tema su altri binari: «Il nostro tipo di politica mira al benessere di tutti i cittadini e non solo dei portatori di voti. È impossibile riasfaltare in breve tempo tutti questi chilometri di strade, quindi il nostro invito è a non dar retta a queste promesse. Occorre una programmazione basata su lassi di tempo accettabili».