Il primo giorno con un comune ciociaro in zona rossa, i numeri in tutta la provincia sono poco rassicuranti. I nuovi contagi sono 197 con 4 morti e 125 guariti. Il tasso di positività resta sempre elevato e, anzi, aumenta al 15,95%.
Il trend
Per il sesto giorno consecutivo i contagi sono in tripla cifra. Da nove non scendono sotto i 95, mentre negli ultimi 15 giorni, tranne una sola volta con 41 lunedì 15 febbraio, non si è mai andati più bassi di 95. In questo arco temporale la media dei contagi è di 125,86 per un totale di 1.888. In questo scorcio di settimana abbiamo avuto già 104 casi lunedì, 127 martedì e 197 ieri per un totale di 428 e una media di 142,7. Per ora siamo sugli stessi livelli della passata settimana chiusa a 150,5, mentre due settimane prima i casi erano stati 94,42 e prima ancora 87,57 e 87,14. Nel 2021 la settimana migliore ha avuto una media di 82,57 tra il 18 e il 24 gennaio.

Da novembre a oggi si sono toccate anche punte di 165 (tra il 28 dicembre e il 3 gennaio), 225,71 (dal 16 al 22 novembre), 224,29 dal 9 al 15 novembre, 292 dal 2 all'8 novembre e 235,86 tra il 26 ottobre e il 1° novembre. L'ultima volta che la media è stata sotto gli ottanta è stato tra il 5 e l'11 ottobre con 29,14. Pe trovare una settimana con i contagi in singola cifra occorre retrocedere ai 16 casi (media 2,28) registrati tra il 14 e il 20 settembre. Altri tempi.
Febbraio da ieri ha scollinato i 2.600 casi con 2.605 per una media di 108,54, superiore a quella di gennaio che ha avuto 101,42 casi e molto vicina ai 11,87 e ai 113,81 di dicembre e ottobre. Inarrivabile novembre con i suoi 219,6 casi.

I decessi
Con i quattro di ieri in questa settimana sono morte già 13 persone. Il totale di febbraio sale a 63 a meno 10 unità da gennaio. Le ultime vittime sono un uomo di 83 anni residente a Sgurgola, un uomo di 92 anni residente a Cassino, un uomo di 70 anni residente ad Esperia e un uomo di 63 anni residente a Pontecorvo.
La scorsa settimana si era chiusa con 21 decessi, mentre quelle precedenti con 14, 15 e 20 per arrivare all'ultima di gennaio. Con gli ultimi quattro morti è stata superata la soglia dei 400: ora le vittime dall'inizio della pandemia sono 403.

I nuovi casi
Contagi in risalita dunque con quattro centri con almeno 15 nuovi positivi o più. Sono Monte San Giovanni Campano con 24, Frosinone con 23, Veroli con 16 e Alatri con 15.
A seguire Sora con 13, Isola del Liri con 11, Villa Santa Lucia con 9, Cassino con 8, Piedimonte San Germano con 7 e Boville Ernica con 5. Poi in ordine sparso gli altri centri.
Oltre a Torrice, ieri 3 casi, che da ieri è zona rossa fino al 10 marzo, preoccupa anche la situazione di Monte San Giovanni Campano. Negli ultimi nove giorni sono già 130 i contagiati monticiani. Nello stesso periodo Frosinone ne ha avuti 140 e Alatri 117. Torrice ne ha avuti 57.

Il tasso
Sempre elevato l'indice di positività che ieri è risalito dal 10,16% al 15,95%. Tra domenica e lunedì, invece, il tasso si era attestato intorno al 19% fin quasi a sfiorare il 20%. In questa settimana l'indice medio è del 15,17% contro il 13,11% della precedente e l'11,13% di quella prima ancora. Da otto giorni consecutivi l'indice è in doppia cifra fissa. La media di febbraio risale così al 12,23% un punto abbondante sopra la media di gennaio, archiviato con l'11,13%.

I guariti
Nel bollettino di ieri sono conteggiati 125 negativizzati, un numero che continua a essere inferiore rispetto ai nuovi positivi da otto giorni consecutivamente. Se non altro a febbraio si sono superati i 2.000 guariti di 38 unità con il totale dall'inizio dell'anno che ammonta a 5.485. Peccato solo che i positivi del 2021 siano 5.749.
Il caso M.S.G. Campano
Il sindaco di Monte San Giovanni Campano Angelo Veronesi, considerando il trend in forte crescita dei casi di positività al Covid-19, dopo aver disposto la chiusura di tutti gli edifici scolastici di ogni ordine e grado insistenti sul territorio comunale, da ieri fino a sabato 6 marzo, ieri mattina, ha avuto un vertice con il corpo della polizia locale alla presenza del comandante. «In tale circostanza - informa - ha disposto, ancora una volta, di monitorare l'intero territorio comunale, questa volta però ininterrottamente durante l'orario di servizio, ovvero in maniera fissa e continuativa, con due ronde, al fine di scongiurare e prevenire la presenza di assembramenti di persone che sono la fonte principale della diffusione del Coronavirus». Il sindaco «ha chiesto la massima collaborazione anche al comandante della locale stazione dei carabinieri e disposto di prestare particolare attenzione soprattutto alle zone a potenziale rischio e, all'occorrenza, applicare le sanzioni previste».
I numeri del contagio di Monte San Giovanni Campano sono attentamente monitorati dalla Asl, dalla prefettura e dal Seresmi. Al momento, però, non ci sono ancora le condizioni per adottare un provvedimento di chiusura come per Torrice.

I vaccini
Sono 25.517 gli over 80 della provincia di Frosinone che si sono prenotati per il vaccino sul portale della Regione Lazio su un totale di 347.965 prenotati.
La Asl di Frosinone finora ha somministrato 26.616 vaccini. In tutto il Lazio sono 375.127 di cui 11.813 nelle ultime 24 ore. La seconda dose del vaccino è stata somministrata a 121.093 persone residenti nel Lazio.