Sono 598 i nuovi positivi al Covid negli ultimi quattro giorni. La media è di quasi 150 al giorno. Ed è allarme.
Probabile l'istituzione di una zona rossa a Torrice.
Si attendono gli ultimi dati: la decisione sarà presa in giornata.

Il caso Torrice
Si leggono i numeri e poi si decide. Sarà la Regione, sulla base di alcuni indicatori tra cui il numero di famiglie contagiate sul totale della popolazione e la crescita, praticamente doppia, degli ultimi giorni a decidere di istituire la zona rossa. L'indice di contagiosità, secondo i parametri del Seresmi, è al 20%. Timori per le varianti. Il presidente della Regione Nicola Zingaretti e l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato sono stati allertati e già oggi potrebbe esserci la firma sull'ordinanza. Ordinanza che farebbe seguito a quella per Roccagorga e alle due emanate più recentemente per Colleferro e Carpineto Romano.
In base agli ultimi numeri (ieri 5 i contagiati) sono 18 i nuclei familiari positivi al Covid, negli ultimi dieci giorni si conta circa un'ottantina i nuovi positivi in un paese che sfiora i 4.750 abitanti. Troppi per non intervenire.
Una situazione che è andata via via peggiorando: tra le possibile fonti di contagio anche la pratica, diffusa in campagna, di macellare il maiale a domicilio.

Febbrili i contatti tra il prefetto di Frosinone Ignazio Portelli, il manager dell'Asl Pierpaola D'Alessandro con le autorità regionali. Si stanno già valutando con le forze dell'ordine le condizioni di viabilità. Trattandosi di un paese alle porte del capoluogo, ma confinante anche con Veroli, il cordone di sicurezza sarà imponente per evitare violazioni del coprifuco e possibili "fughe" attraverso percorsi secondari. La zona rossa, secondo quanto si è appreso ieri, dovrebbe esser istituita da oggi per due settimane. Anche il commissario prefettizio Anna Mancini studia l'evolver sidella situazione:«siamo inattesa di notizie. La situazione è attenzionata, oggi abbiamo avuto 5 casi, sembra che stiano scendendo. Ma bisogna verificaretutte le condizioni. La scelta non compete a noi, speriamo che il trend vada verso una discesa così da poter respirare». Osservati speciali anche Monte San Giovanni Campano e alcuni centri del Sorano.

Il punto
A dispetto di una giornata di lunedì normalmente tranquilla, ieri sono stati analizzati 536 tamponi con il tasso di positività che, da due giorni, si mantiene al 19%. Ieri i nuovi positivi sono stati 104, con 45 guariti e 5 morti. Il 26 ottobre l'ultimo lunedì con più casi. 

Le vittime
Dopo aver chiuso la settimana passata a 21 decessi, la nuova si apre con altri cinque. A perdere la battaglia contro il Covid sono stati un uomo di 90 anni di Roccasecca, un uomo di 81 anni di Frosinone, una donna di 80 anni e un uomo di 85 anni di Cassino e una donna di 89 anni di Paliano.

I nuovi casi
Non è stato boom come domenica con Monte San Giovanni Campano a 27 e Frosinone a 25 nuovi contagi, però, anche ieri i positivi sono stati tanti, 104.
Di questi 15 sono di Frosinone, 14 di Alatri, 14 di Veroli, 10 di Ceccano, 10 di Ferentino, 5 di Torrice, 4 di Bovile Ernica, 4 di Monte San Giovanni Campano, 3 di Ripi, 3 di Pofi. Poi altri 22 comuni con numeri inferiori. A preoccupare le situazioni di Torrice e Monte San Giovanni Campano. Negli ultimi sette giorni a Monte San Giovanni Campano sono stati registrati 86 casi e a Torrice 51. Tanto per avere un paragone, nello stesso periodo Frosinone ne ha avuti 102 e Alatri 94.

Il tasso
Per due volte consecutive si è toccato il 19%.
Anche in questo caso un valore decisamente elevato: 19,69% domenica e 19,40% ieri. La passata settimana si è chiusa a 13,11%, due punti in più rispetto alla media di febbraio e al dato della settimana precedente (11,13%). Anche questo a dimostrazione di numeri in crescendo. Peraltro, un tasso così alto per due giorni consecutivi nel 2021 non si era mai registrato. Il 1° gennaio il top con il 28,12%, preceduto, nell'ultimo girono del 2020, da un 24,6%.

I guariti
La scorsa settimana i negativizzati sono stati 599 contro i 903 nuovi positivi. Ieri se ne sono aggiunti 45 di cui 8 ad Alatri, 7 a Ceccano, 5 a Ferentino e 4 a Frosinone. Da febbraio sono 1.818.