Una buona notizia per l'ambiente. Lunedì sono partite le prime indagini geologiche per lo studio dei cinque interventi finalizzati alla messa in sicurezza del territorio e finanziati dal Ministero degli Interni.

In particolare, due sondaggi geognostici, il rilievo topografico e le prime indagini geofisiche sono state effettuati in località Caira nei pressi di via Lago dove il torrente calcara negli ultimi anni ha eroso gli argini e necessita di interventi di messa in sicurezza.

"Da ieri mattina - spiega il consigliere comunale, Riccardo Consales, geologo e delegato a queste problematiche ambientali - invece sono partiti i sondaggi geognostici nella frana di San Michele che più di tutti preoccupa per la velocità con cui si è mossa in questi mesi. Una enorme voragine che si staglia minacciosa nella zona e che tiene tutti con il fiato sospeso. Già nella giornata di lunedì è stato effettuato un primo rilievo con drone per monitorare il fenomeno in atto.

A breve verranno installati anche gli strumenti di monitoraggio (inclinometri e piezometri) per controllare e studiare meglio il fenomeno franoso. Queste indagini che verranno replicate anche in altre zone del territorio comunale saranno utili per comprendere meglio la profondità di movimento dei fenomeni franosi e per meglio progettare le opere di messa in sicurezza.
Dunque, dapprima uno studio accurato e poi gli interventi mirati per le varie situazioni. Gli altri siti oggetto di studio sono presenti a Sant'Angelo, lungo via Pinchera e in via Montemaggio."