Gentili concittadinee concittadini…", così inizia la lettera postata sulla pagina Facebook del Comune, da attribuire quindi all'amministrazione, con cui si chiarisce il perché della bolletta Tari recapitata ai contribuenti carica del conguaglio dovuto per l'annualità 2020.
"Questa bolletta sta generando giusti interrogativi agli utenti che trovano difficoltà ad entrare nel merito di come si è arrivati a questo conguaglio e al relativo importo", si legge. E per giustificare l'importo la lettera elenca una serie di cifre che, secondo il suo estensore, dovrebbe fugare gli interrogativi sorti tra gli atinati.
Si dice che è stato necessario stabilire la tariffazione della Tari in base al sistema disposto da Arera che ne ha rivisto le percentuali di attribuzione della parte fissa e variabile con l'emergenza Covid-19 che ha sparigliato le scadenze.

Poi scende nel dettaglio riferendo che "sull'aumento hanno inciso sensibilmente i costi (60.000 euro circa) sostenuti per bonificare lo scempio trovato presso l'ex isola ecologica dell'ex Cartiera; l'aumento della quantità dirifiuto indifferenziatolegato all'emergenza Covid; l'aumento del fondo crediti di dubbia esigibilità (la quota che per legge va in bolletta per coprire i mancati pagamenti della Tari); le spese, stimate in circa 10.000euro, per elaborazione nuova gara d'appalto". Un altro fardello deriva "dalle quote che tutti i Comuni devono rimborsare annualmente (tra 2020 e 2021 circa 75000 euro) per il ritardo derivante dalla determinazione della tariffa definitiva di accesso all'impianto gestito dalla Mad Srl e per gli arretrati dovuti agli aggiornamenti delle tariffe a partire dal 2015, per l'accesso agli impianti di trattamento di Colfelice", si legge ancora.

Poi la lettera esorta i cittadini a "spingere su una differenziazione più accurata dei rifiuti, in modo da ridurre sensibilmente il relativo costo dove, tra l'altro, quelli a tonnellata per i rifiuti indifferenziati sono in costante e continuo aumento. Speriamo - conclude la lettera di precisazione - di aver contribuito a chiarire i dubbi della cittadinanza, che comunque per ogni ulteriore spiegazione potrà rivolgersi all'ufficio tributi".