A causa dell'emergenza sanitaria tuttora in corso e delle limitazioni che ciò comporta in materia di salvaguardia della salute pubblica, i festeggiamenti previsti per l'edizione 2021 del Carnevale storico frusinate e la festa della Radeca – al pari di tutte le manifestazioni con importante afflusso di pubblico – hanno subito, nel caso dell'edizione 2021, una serie di modifiche rispetto alla formula ormai consolidata, tanto amata da coloro che (da 222 anni!) si danno convegno nel capoluogo ciociaro.

Il Carnevale, organizzato come di consueto dall'amministrazione comunale in collaborazione con la Pro Loco e l'associazione culturale Rione Giardino, ha previsto, nella giornata di oggi, martedì 16 febbraio, la sfilata delle Mascherine con il teatro dei burattini e lo spettacolo di magia con Pulcinella e Arlecchino sulla piattaforma Zoom. Tutti i piccoli partecipanti riceveranno poi un simpatico gadget.

È disponibile sul canale istituzionale del comune di Frosinone, al link https://www.youtube.com/watch?v=KWXbXNSRaoU, il video dell'edizione 2020 del Carnevale. Il filmato, oltre a ripercorrere i momenti più suggestivi della manifestazione svoltasi lo scorso anno, include anche gli interventi del sindaco, Nicola Ottaviani, dell'assessore al centro storico, Rossella Testa, del presidente della Pro Loco, Alfonso Scaccia, e del vice presidente dell'associazione Rione Giardino, Valter Moretti.

Le iniziative appena citate sono le uniche sostenute e patrocinate dal Comune di Frosinone.

"Quest'anno il Carnevale ha un sapore e un significato completamente diversi rispetto al passato, vista l'emergenza sanitaria in corso – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani - Ciò nonostante, non volevamo che, specie i più giovani, rinunciassero a un momento di condivisione, sebbene "virtuale", e di gioia. Per questo motivo, il Comune di Frosinone, in collaborazione con Pro loco e associazione Rione Giardino, ha organizzato delle attività per ricordare il simbolismo storico del nostro Carnevale. È una manifestazione che va ad ambientarsi in una particolare contingenza del Paese, in cui sono pochi i motivi per cui gioire, perché tutti gli sforzi e i pensieri sono concentrati su altre tematiche. Eppure, era doveroso, soprattutto nei confronti delle generazioni più giovani, ricordare e onorare una tradizione che riesce, da secoli, a scaldare i cuori e le menti dei ciociari di nascita e d'adozione. Il miglior augurio che possiamo rivolgere in questo momento – ha concluso il sindaco – è quello di darci appuntamento al prossimo anno, quando ci saremo lasciati alle spalle l'emergenza sanitaria e i problemi che ne derivano. Guardandoci indietro, ripenseremo con orgoglio alle nostre radici popolari, che ci hanno offerto conforto e forza anche nei momenti più difficili. Riabbracceremo, il prossimo anno, il generale Championnet brandendo la mitica radeca, ravvivando, ancora una volta, le tradizioni della nostra meravigliosa Ciociaria".