Si invocano controlli statici al ponte della superstrada Sora-Ferentino e alla sottostante strada provinciale che collega Casamari e Scifelli. Le piogge degli ultimi mesi hanno riportato a galla le criticità di anni fa, quando iniziarono a cadere pezzi di intonaco mettendo in allerta gli automobilisti. Si temono crolli più consistenti, dopo quelli avvenuti nel 2011.

Si chiede a chi di competenza di intervenire quanto prima per ulteriori sopralluoghi. Fino a qualche anno fa c'erano ancora i new jersey al lato della carreggiata e la segnaletica che indicava il senso unico alternato e il limite a 20 km/h lungo il tratto tra Casamari-Scifelli.

Era il 2011 quando da un lato del cavalcavia iniziarono a cadere pezzi di intonaco mettendo in allerta gli automobilisti di passaggio. Dopo l'attento sopralluogo dei vigili del fuoco e dei tecnici della Provincia, venne chiusa una corsia per motivi di sicurezza.

Inevitabili i disagi ai tanti automobilisti che quotidianamente percorrevano la provinciale 263 che collega Casamari a numerose frazioni verolane tra cui Scifelli, Fontana Fratta, Bagnara e Santa Francesca.
Ora il cavalcavia torna a far paura. Pertanto cittadini e automobilisti chiedono un nuovo controllo statico.

Le ultime piogge hanno provocato la caduta di altri pezzi di intonaco. Anni fa per poco un'auto non è stata colpita da un grosso pezzo di intonaco che si è staccato dalla struttura. Appello anche per la sistemazione del manto stradale della provinciale. Le buche spesso la fanno da padrone. Un tratto, percorso da numerose auto e anche da mezzi pesanti, che necessita di essere messo in sicurezza. Questo l'appello agli enti preposti.