Spuntano due porte da calcio in piazza Michele Ciotola, nel cuore del quartiere di San Rocco. In quest'area l'amministrazione comunale ha avviato i lavori di rifacimento del marciapiede con annesso arredo urbano, ma nel progetto non c'è traccia di un campo da calcetto. Così alcuni ragazzi hanno provveduto da soli piazzando due porte mobili nella piazza per poter fare una partitella.

Le reazioni dei residenti sono controverse. Chi transita nella zona con l'auto e si ritrova nel bel mezzo di un derby è piuttosto scocciato e si lamenta. Anche l'associazione "Noi per San Rocco", molto attiva nel quartiere, prende le distanze dall'iniziativa. "Non abbiamo alcun coinvolgimento con l'iniziativa che è da attribuire esclusivamente ai ragazzini del quartiere - hanno spiegato dal sodalizio - Questa situazione però ci dovrebbe far riflettere sul fatto che ai nostri bambini mancano spazi sicuri e idonei dove poter giocare liberamente".

Stessa situazione nel quartiere Napoli. Il popoloso rione aspetta la tanto attesa inaugurazione degli spazi riqualificati, ma intanto lì c'è un campo di calcio a cinque con il cancello chiuso ormai da molto tempo. Anche qui nei giorni scorsi i ragazzi hanno posizionato delle porte mobili e hanno giocato a pallone sotto casa, come si faceva una volta.

L'emergenza Covid-19 non consente di praticare liberamente gli sport da contatto, ma è anche vero che i giovani e i bambini del quartiere avrebbero diritto a spazi attrezzati in cui potersi divertire in sicurezza, senza dover improvvisare campi da calcetto nelle piazze, dove passano le automobili.
La pensa così anche un gruppo di mamme della zona Compre che da cinque anni aspetta di vedere inaugurato il campetto di calcio a cinque. Tempo fa, forse stufi di aspettare, alcuni ragazzi del posto hanno tagliato la rete per entrare in campo e giocare.