La cenere di un camino buttata all'interno di un cassonetto. Poi, in pochi minuti, scoppia un vasto incendio che rischia di avere conseguenze gravissime sotto il profilo ambientale. È quello che è successo ieri mattina in via Aldo Moro a Pontecorvo. Un fatto che ha destato molto clamore e che rischiava di avere conseguenze ben più gravi ma che, grazie all'intervento immediato della squadra di soccorsi, si è riusciti a contenere. Ora, però, sono partite le indagini per dare un nome e un cognome a chi ha commesso il fatto.

La ricostruzione
Erano da poco trascorse le 10.30 quando è scattato l'allarme. Nonostante la forte pioggia che ieri è caduta su tutto il territorio qualcuno ha deciso di gettare la cenere di un camino all'interno del cassonetto. Un gesto che ha provocato una reazione immediata con la conseguenza dell'inevitabile innesco che ha fatto - poi - sviluppare un vasto incendio.
Le fiamme si sono propagate avvolgendo completamente tre cassonetti dell'immondizia che si trovano in via Aldo Moro, nella parte bassa della città fluviale.

Immediatamente è stato lanciato l'allarme. Sul posto sono subito giunti i carabinieri forestali della stazione di Pontecorvo, agli ordini del maresciallo Pasquale Simone, che hanno messo in campo subito tutte le azioni necessari per evitare che quell'incendio potesse assumere dimensioni molto preoccupanti.
A intervenire per domare e spegnere le fiamme sono stati anche i dipendenti dell'azienda speciale multiservizi di Pontecorvo oltre che gli uomini dei vigili del fuoco. Grazie al lavoro di squadra messo in campo e all'intervento immediato si è evitato che le fiamme attecchissero anche gli altri cassonetti che si trovano nella zona. Fatto che, se fosse accaduto, avrebbe provocato gravissimi problemi ambientali con una grande emissione di fumo derivante dalla plastica bruciata.

Le ricerche
Ma dopo l'attività di intervento sono partite le indagini. Gli uomini dei carabinieri forestali della stazione di Pontecorvo hanno avviato una serie di accertamenti per tentare di capire chi abbia depositato la cenere del camino all'interno del cassonetto. Atto, questo, che ha generato l'incendio che ha rischiato di provocare grandissimi danni a tutto il territorio. Un gesto commesso, probabilmente, senza avere neppure idea delle possibili conseguenze per la zona nonché per l'immissione di sostanze inquinanti nell'atmosfera.