Ieri, alle 18,30 circa, alla centrale operativa della Compagnia Carabinieri di Sora giungeva chiamata di aiuto da parte di un tabaccaio di Arpino a seguito di rapina perpetrata presso la sua attività. Due giovani armati di un coltello, con il volto coperto da felpa e scaldacollo, si facevano consegnare dal proprietario 130 euro in banconote di vario taglio, per poi dileguarsi a piedi nelle campagne circostanti.

Immediatamente venivano diramate le ricerche dei due giovani, da parte dei Carabinieri della Compagnia di Sora, che consentivano di individuare, nel centro abitato arpinate,  due soggetti compatibili con la descrizione fornita dalla vittima fermati dai militari della locale Stazione. Accompagnati presso la Compagnia di Sora i predetti venivano sottoposti a perquisizione personale che consentiva di rinvenire le banconote asportate in un calzino di uno dei due ragazzi.

Nel frattempo altre pattuglie impegnate nel servizio rinvenivano ‘il coltello' utilizzato e la felpa rossa indossata da uno dei due rapinatori, ben descritta dal tabaccaio che riconosceva anche i due giovani fermati quali autori della rapina. Essendo oramai inconfutabili le fonti di prova a loro carico, S.A. 18enne marocchino, residente a Frosinone, e T.I. 16enne romeno, domiciliato a Sora, sono stati arrestati per il reato di rapina.