Investito da un muletto, perse la vita in Emilia Romagna. A luglio del 2016 la morte di Giancarlo De Carolis, autotrasportatore di Veroli, persona stimata e molto conosciuta a Virano, piccola contrada dove risiedeva. La tragedia nella sede della "Transports Fantozzi srl", azienda di autotrasporti nella zona industriale a pochi chilometri dal Comune di Cavriago, in provincia di Reggio Emilia. La procura a seguito dell'incidente aprì un'inchiesta per fare luce sull'accaduto. Indagato inizialmente un collega di De Carolis, la cui posizione è stata stralciata. Fissata per il prossimo 22 aprile l'udienza preliminare a Reggio Emilia a carico del datore di lavoro. La famiglia del sessantatreenne si è affidata all'avvocato Angelo Testa.

Nella richiesta di rinvio a giudizio viene contestato all'imprenditore, un sessantunenne abruzzese residente in Francia, il fatto di aver adibito all'uso di un carrello elevatore un lavoratore «privo della specifica formazione e abilitazione all'uso». E «per avergli messo a disposizione un carrello elevatore privo dei requisiti di sicurezza per mancata manutenzione, in particolare con freno a mano inefficiente, da sottoporre a registrazione e con il microinterruttore di sicurezza posto sotto l'acceleratore, atto ad impedire al carrello di muoversi senza conducente, non funzionante». Inoltre è contestato l'aver consentito di effettuare le operazioni di carico-scarico in un piazzale «non sufficientemente illuminato». In pratica, secondo l'accusa, il carrello elevatore, lasciato incustodito, ma accesso, a causa di una leggera pendenza del terreno, raggiungeva e schiacciava la vittima senza che nessuno se ne rendesse conto «per la scarsa visibilità».

La ricostruzione
Mancavano pochi anni alla pensione quando Giancarlo De Carolis ha perso la vita nell'estate di cinque anni fa.
Da circa due aveva trovato impiego in una società di trasporti francese (la Transports Fantozzi srl). Proprio in Francia si erano invece trasferiti i due figli. De Carolis si trovava nella sede di Corte Tegge dove vengono effettuate operazioni di carico e scarico dei materiali da consegnare. Mentre era nel piazzale venne schiacciato dal carrello e morì per shock emorragico.