Gli incivili sono, purtroppo, sempre pronti a colpire ai danni del territorio. Spuntano come funghi le discariche a cielo aperto, rifiuti abbandonati soprattutto nelle zone periferiche. Pronti a contrastare il fenomeno anche con telecamere e foto trappole. In arrivo anche un nuovo bando per la gestione della raccolta differenziata. L'assessore all'Ambiente Curzio Borsellino non ha dubbi: «siamo noi il nostro patrimonio ambientale, deturparlo significa privarsi del proprio benessere.

Come tutti sappiamo, l'abbandono di rifiuti urbani in aree pubbliche e private, comporta un danno ambientale e costi aggiuntivi per la gestione del servizio di raccolta con spese che vanno a riversarsi inevitabilmente sul piano della Tari e di conseguenza a carico dei cittadini».
L'amministrazione Fiordalisio sta predisponendo il nuovo bando per la gestione della raccolta differenziata, ponendosi obiettivi già riportati nel programma elettorale, come il potenziamento del sistema di videosorveglianza con foto trappole e l'ultimazione dell'isola ecologica che darà la possibilità di conferire qualsiasi tipologia di rifiuto.

«In questi primi mesi di assessorato ho dovuto purtroppo registrare il perpetrare di comportamenti incivili - dichiara Borsellino - a totale dispregio delle regole e constatato di conseguenza la presenza di molte discariche abusive, soprattutto nei boschi e lungo i margini delle strade.
Per scoraggiare queste incresciose abitudini, evitando inutili estremismi o gogne mediatiche, rivolgo alla cittadinanza l'invito a segnalare al sottoscritto, all'Ecosportello o all'Ufficio tecnico, qualsiasi attività ritenuta sospetta e riconducibile all'abbandono.

Vi aggiorno poi sulla pulizia effettuata sulle aree di competenza Anas, lungo l'accesso della SS 156 dei Monti Lepini: nel mese di dicembre, a seguito del taglio del verde, erano emersi notevoli quantitativi di rifiuti.
Non appena sarà possibile organizzare delle iniziative in presenza, sarà una mia priorità istituire delle giornate di volontariato ambientale, aperte alla cittadinanza e alle associazioni, nelle quali ci dedicheremo alla rimozione dei rifiuti che tanto offendono la bellezza del nostro territorio».