Veroli è ormai sinonimo di accoglienza culturale, di ospitalità raffinata e signorile, di turismo di qualità. A certificare la crescita dell'offerta turistica verolana, due prestigiosi riconoscimenti conferiti ad una struttura nel centro storico della cittadina ernica, lì dove vive e respira la storia, soprattutto religiosa della perla ciociara.

E proprio dai luoghi della fede giunge una ventata di speranza: le Chiese di Veroli sono vanto e orgoglio della sua gente, ammirate, fotografate e postate su ogni dove nei moderni social network, forma di pubblicità e di diffusione di notizie ormai ineludibile. Non deve dunque stupire se proprio il web consacra il Monastero di Sant'Erasmo, gestito dalla Cooperativa Diaconia, come una delle eccellenze turistiche italiane.

Vanity Fair Italia ha, infatti, selezionato l'Albergo Diffuso verolano tra i 10 millenari luoghi religiosi da visitare a pandemia archiviata, per ritrovarsi e ritrovare il senso della vita. Non solo. Il Monastero è stato infatti inserito nella classifica dei Top 20 tra i piccoli hotel in Ciociaria e tra i migliori hotel per famiglie e viaggiatori d'affari dal prestigioso portale Travelmyth, il motore di ricerca internazionale "Per viaggiatori che cercano soggiorni unici".

A contribuire al significativo risultato, le entusiastiche recensioni degli ospiti, lasciate on line, con un rating su Booking.com pari addirittura al 9.2. Come un sottile filo di Arianna, che unisce l'accoglienza fuori dal tempo offerta dal Monastero ad un tempo che di quiete e di pace ha sempre più bisogno, l'invito a trascorrere qualche giorno immersi nei 1400 anni di storia del Monastero di Sant'Erasmo è un'altra occasione per i turisti di schiudere quello scrigno di tesori che è Veroli.