Numeri stabili in Ciociaria. Il virus continua a circolare, anche se su valori leggermente inferiori rispetto a quelli della settimana precedente. Ma i numeri di gennaio sono in rialzo rispetto a quelli di dicembre.
Il bollettino di ieri sembra la fotocopia di quello del giorno prima: contagi a 124 contro i 127 delle 24 ore precedenti, decessi invariati a 2 e guariti che aumentano impercettibilmente, da 142 a 147. Eseguiti 1.297 tamponi (1.216 venerdì) con il tasso di positività che scende al 9,56% dal 10,44% della giornata precedente.
I decessi
Due, come l'altro ieri e come il 6 gennaio, le vittime per Covid. Si tratta di uomo di 73 anni residente a Patrica e di un uomo di 70 anni residente a Cervaro. In questa settimana i decessi sono già 14 come quelli dell'intera scorsa settimana, anche se quella prima ancora, si era chiusa a 20, quella terminata il 20 dicembre a 29, il periodo tra il 7 e il 13 dicembre a 21, quello tra il 30 novembre e il 6 dicembre a 24, mentre la settimana 23-29 novembre è stata archiviata a 32, il dato peggiore degli ultimi tempi.

Il tasso
Migliora il rapporto tra positivi scoperti e tamponi eseguiti: 9,56%. Dopo giornate con numeri decisamente elevati, l'indice si sta riportando su valori più accettabili e in linea con le medie regionali e nazionali. Da Natale l'andamento è stato altalenante con punte sopra il 20%: a Natale 22,05%, a Santo Stefano 21,25%, il 27 dicembre 14,49%, il 28 dicembre 11,08%, il 29 dicembre 13,03%, il 30 dicembre 18,33%, l'ultimo dell'anno 24,6%, il primo dell'anno 28,12%, il 2 gennaio 9,20%, il 3 gennaio 15,63%, il 4 gennaio 12,07%, il 5 gennaio 10,61%, l'Epifania 14,53%, il 7 gennaio 16,18%, l'8 gennaio 10,44%. La media del periodo è di 15,7%.
I contagi
Sono 124 i nuovi positivi in provincia di Frosinone. Resta elevata l'incidenza dei casi nella parte Sud del territorio con Cassino che registra 14 nuovi casi, San Vittore del Lazio 9, quindi Frosinone, Ferentino e Sora 8, Alatri 7, Pontecorvo 6, Boville Ernica e Veroli 5, Broccostella 4.
In questa settimana si contano più di settecento casi (713) per una media di 118,83. Un valore in discesa rispetto alla media di 165 della settimana prima, anche se risulta più elevato rispetto all'ultimo periodo del 2020 che ha prodotto medie di 97,43 (21-27 dicembre), 106,3 (le due settimane precedenti), 99,57 (30 nvembre-6 dicembre) fino alla punta delle ultime settimane di 134,42 tra il 23 e il 29 novembre.
A gennaio superata di 13 unità quota 1.200 per una media quotidiana di 134,78, superiore ai 111,87 di dicembre, ai 113,81 di ottobre, ma inferiore ai 219,6 di novembre, al momento i mesi peggiori dall'inizio della pandemia. Numeri lontani da quelli della prima ondata che aveva visto marzo chiudere a una media di 13,8 e aprile a 7,76. mentre da maggio a luglio non si è superato l'1 di media.

I guariti
Nel bollettino si segnalano 147 negativizzati. Nell'elenco diffuso dall'Asl 20 di questi sono di Cassino, 11 di Alatri, 7 di Frosinone, 5 di Ferentino e Pontecorvo, 4 di Veroli, 3 di Boville Ernica, 2 di Sora, 1 di Broccostella e San Vittore del Lazio tra i comuni che hanno registrato almeno 4 positivi.
I negativizzati del mese di gennaio hanno superato quota novecento (902). Da metà novembre, da quando c'è stato il boom dei contagi, sono guarite 8.200 persone circa, di cui 3.835 a dicembre.

I vaccini
Sono 64.111 i vaccini somministrati nella regione Lazio alle ore 18 di ieri. La Asl di Frosinone non è più la prima del Lazio per dosi somministrate. Come prevedibile le Asl romane, avendo più dosi a disposizione, hanno incrementato il passo. E dunque Frosinone ha 5.704 vaccini somministrati, più 300 - ed è quarta tra tutte le aziende sanitarie del Lazio - contro i 5.944 di Roma 1, i 5.911 di Roma 5 e i 5.769 di Roma 2. Nelle altre province Viterbo è a 3.515, Latina a 3.491 e Rieti a 1.677.
Alle ore 12 nel Lazio erano 60.936 di cui 5.549 nell'Asl di Frosinone, il cui primato era insidiato dalla Asl Roma con 5.547. Più staccate le altre Asl provinciali: Latina a 3.347, Viterbo a 3.341 e Rieti a 1.550.