Lavorava in nero in un cantiere edile mentre continuava a percepire il reddito di cittadinanza. Gli è andata bene fino a quando i carabinieri di Picinisco, al termine delle loro attività investigative, lo hanno scoperto e denunciato per i reati di indebita percezione reddito di cittadinanza e truffa aggravata a danno dello Stato.

L'uomo, un cinquantanovenne del circondario, lo scorso novembre era stato sorpreso all'interno di un cantiere edile mentre lavorava come operaio, senza avere un regolare contratto, per conto di una ditta della Valle di Comino.

I successivi accertamenti hanno permesso ai carabinieri di accertare che l'uomo continuava a incassare il reddito di cittadinanza poiché aveva omesso di segnalare all'Inps le giornate lavorative svolte per conto della ditta edile, che avrebbero comportato la sospensione del beneficio sociale.