Divampa un incendio in un'abitazione del centro a Sant'Elia Fiumerapido, anziani miracolati. Il malfunzionamento di una bombola di gas che alimentava una stufa portatile ha mandato in cenere un appartamento in cui vivevano moglie e marito, ultraottantenni, originari di Vallerotonda.

Immediato l'arrivo dei carabinieri della stazione di Sant'Elia che hanno subito tratto in salvo i coniugi sotto choc, ma fortunatamente non feriti.

La ricostruzione
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio del 31 dicembre. I coniugi, secondo una prima ricostruzione dei fatti, avevano acceso una stufetta alimentata da un bombola di gas: un probabile malfunzionamento ha improvvisamente generato fiamme altissime che hanno attaccato tutte le superfici: mobili, suppellettili, finestre.
Immediata la richiesta di aiuto.

Sul posto, in pochi minuti, i carabinieri della locale stazione della Compagnia di Cassino, agli ordini del capitano Scolaro che hanno agito senza pensarci due volte. Con loro, anche gli agenti della Polizia locale, con il comandante Ferrara. Gli operanti hanno immediatamente tratto in salvo i due anziani, i quali sopraffatti dal panico alla vista delle fiamme si erano bloccati sul porticato dell'abitazione, non riuscendo ad aprire la rete metallica che era posta a protezione dell'ingresso.

I vigili del fuoco del distaccamento di Cassino hanno provveduto a domare le fiamme, che nel frattempo avevano distrutto buona parte dell'abitazione, dichiarata non agibile. Il personale del 118 ha provveduto a visitare entrambi ma non è risultato necessario il ricovero.