È rimbombata come un fulmine a ciel sereno a Ferentino, la notizia della morte di Mario Principali. Se ne è andato prematuramente, a 61 anni, l'ex calciatore ferentinate, ex goleador amaranto e non solo.

Deceduto all'improvviso ieri, a casa propria, per problemi cardiaci dalle prime indiscrezioni. Mario era molto conosciuto per i suoi trascorsi di calciatore e tutti lo ricordano come una bella persona, dall'animo buono e gentile. Iniziò da giovanissimo a calcare il terreno del campo sportivo di Ferentino, il numero 9 gli calzava a pennello sulle spalle.

Mario era un centravanti di razza, tecnico e potente, e subito attirò a sé gli occhi dei più esperti. All'età di 15 anni l'allora mister dei giovanissimi amaranto Dino Mizzoni, lo accompagnò per un provino alla Ternana in serie A. Iniziò con i giovani anche lì e si mise subito in mostra. A 18 anni approdò alla Pro Vercelli in serie C e nella gara d'esordio regalò la vittoria alla squadra di casa, grazie a un suo gol. Poi strada facendo, secondo i bene informati, sarebbe affiorato un problema fisico e Mario dovette rientrare in Ciociaria.

Qui concluse la carriera calcistica alquanto giovane, dopo avere indossatole maglie del Ceccano e della sua Ferentino. Affranti i suoi cari. Oggi alle 15 nella chiesa di S.Antonio Abate l'ultimo saluto al bomber.