Semplicità, pulizia ed emozione: l'inconfondibile stile della fotografa Manuela Cocchi è divampato in una carrellata di click a medici e infermieri dei reparti di ginecologia-ostetricia, pediatria e neonatologia del nosocomio sorano che si sono messi in posa per gli scatti natalizi della Cocchi, realizzati nel suo studio del centro commerciale "La Selva". L'abbiamo intervistata.

Perché questi scatti?
«L'iniziativa nasce dalla forte passione per il mio lavoro e da una fitta relazione di stima instaurata tra le ostetriche e le ginecologhe della zona. Un'idea diversa per dire grazie a tutti questi operatori sanitari che lavorano per il dono più prezioso: la nascita della vita».

Rivolge un grazie a…
«Ai reparti, ai medici e a tutto il personale che lavora incessantemente nonostante le difficoltà. Grazie anche per l'e ntusiasmo dimostrato nella raccolta di queste immagini. Prezioso il sostegno della consigliera nazionale Anci Maria Paola D'Orazio che si è fatta portavoce dell'iniziativa. Un caloroso ringraziamento alla direttrice generale dell'Asl, Pierpaola D'Alessandro che ha accolto l'idea con grande sensibilità nonostante gli impegni».

Dove è possibile vedere queste fotografie?
«Su Facebook "Manuela Cocchi" o su Instagram "manuelacocchi". Ma anche sui canali ufficiali della Asl, sia Facebook che il sito internet».

Una passione che prende vita dietro l'obiettivo. Chi è Manuela Cocchi?
«Una fotografa di famiglia e di newborn. Sono appassionata di fotografia sin da bambina ed ho trovato poetico da sempre catturare la bellezza racchiusa negli occhi delle persone. Le mie abilità tecniche hanno avuto concretezza grazie alla favolosa esperienza lavorrativa maturata presso l'Oliviero Toscani Studio»