Allarme furti: il sindaco Piero Sementilli ha incontrato il prefetto Ignazio Portelli per sottoporgli la preoccupazione che c'è in paese in queste ultime settimane e chiedere un supporto per contrastare più efficacemente il fenomeno.

«Sono stato ricevuto dal dottor Portelli al quale ho rappresentato la preoccupante situazione registrata sul territorio di Ripi per i continui furti - ha detto Sementilli - Mi ha spinto a rivolgermi al prefetto il costante fenomeno che non sembra scemare, ma non nascondo di essere preoccupato anche per lo stato di agitazione e di allarme diffuso tra la gente, non vorrei che questa eccessiva allerta possa indurre a reazioni incontrollate. Ho espresso tutte le mie perplessità e chiesto il supporto della Prefettura per contrastare i furti e restituire tranquillità ai cittadini, potenziando i controlli e intensificando l'attività di vigilanza del territorio».

Il sindaco riassume l'esito dell'incontro: «Il prefetto Portelli si è mostrato disponibile, ha accolto le mie segnalazioni e assunto impegni per garantire le necessarie condizioni di sicurezza. Sono soddisfatto, ho trovato riscontro alle mie istanze e le assicurazioni del prefetto mi confortano. Mi sta a cuore la tranquillità dei miei concittadini oltre alla sicurezza che reputo sia prioritaria, quanto fatto fino ad oggi non è risultato sufficiente a risolvere il problema dei furti, era quindi doveroso rivolgermi al prefetto, convinto che bisogna fare quadrato per contrastare fenomeni preoccupanti, specie di questi tempi in cui ben altre problematiche di salute stanno già minando la nostra tranquillità».

«Mi auguro - conclude il primo cittadino - che si riesca a porre un freno ai furti, con la collaborazione dei cittadini che devono segnalare ogni presenza sospetta o situazioni che possano risultare anomale. Ricordo che richiedere l'intervento delle forze dell'ordine o segnalare auto sospette o persone sconosciute con atteggiamenti poco chiari rappresenta l'unico percorso da seguire per consentire l'intervento di chi è proposto alla sicurezza».