Una lettera indirizzata al sindaco di Cassino, all'Astral e alla Provincia per segnalazione la pericolosità strada regionale Valle del Garigliano SR 430. A prendere carta e penna sono stati Francesco Evangelista e Michelina Bevilacqua, in qualità di consiglieri della Lega Salvini Premier.

«Come ben noto la strada regionale SR430 Valle del Garigliano ha inizio dalla congiunzione con la strada statale 6 via Casilina nel Comune di San Vittore del Lazio. Il tracciato prosegue in direzione Sud-Ovest, raggiungendo il tratto urbano nel Comune di Cassino, dal casello di San Vittore del Lazio all'incrocio strada provinciale 81 Via Appia Nuova. Per circa 1.500 mt il tratto di strada S.R. 430 è interna al Comune di Cassino e presenta innesti con altre strade comunali quali San Cesareo, via Valle Muscosa e via Magnavacca; per tutta la sua lunghezza, sia a destra che a sinistra, sono presenti ingressi alle numerose abitazioni ed è costeggiata da fossi di scolo dalle acque meteoriche in entrambe le direzioni».

La strada statale è ad alta frequenza di traffico sia veicolare che di mezzi pesanti, al servizio della vicina zona industriale di Rocca D'Evandro. «La carreggiata viabile non è molto larga ed è pari a circa 7 metri e, peraltro, si tratta di un lungo rettilineo che agevola la velocità eccessiva; da un lato è presente una palificazione della pubblica illuminazione, dall'illuminotecnica scarsa. Tutto ciò porta la statale ad essere teatro di gravi incidenti stradali anche mortali».

Per questo motivo, i due consiglieri chiedono di convocare un tavolo tecnico con la Regione Lazio e Astral, per verificare la possibilità di progettare e realizzare un marciapiede laterale nonché il rifacimento di un nuovo impianto di pubblica illuminazione, il tutto ovviamente finalizzato alla tutela della pubblica incolumità.