Chi ne ricorda il sorriso, chi la cortesia, chi la giovanissima età, chi la voglia di vivere, chi l'educazione. A San Giorgio a Liri i pensieri e le dediche ad Alex Claudiu Lemeni, il ventinovenne morto all'improvviso domenica mattina, si rincorrono e sono per lo più affidati ai social. La stessa mamma del ragazzo, da anni nel paese della Valle dei Santi, affranta, ha voluto rendere pubblico il suo sentimento e condividerlo con gli amici di Alex e con tutto un paese che gli voleva bene: «La perdita di un figlio è come se fermasse il tempo: si apre una voragine che inghiotte il passato e anche il futuro. La morte, che ti porta via il figlio cosi giovane, è uno schiaffo alle promesse, ai doni e sacrifici d'amore gioiosamente consegnati alla vita che abbiamo fatto nascere.

La morte tocca e quando è un figlio tocca profondamente - ha scritto sgomenta la madre di Alex Claudiu Lemeni - un dolore così forte che tutta la famiglia rimane come paralizzata, ammutolita. Il vuoto dell'abbandono che si apre dentro è tanto più angosciante per il fatto che un genitore non ha neppure l'esperienza sufficiente per "dare un nome" a quello che è accaduto. Riposa in pace figlio mio, mi hai lasciato così presto con un dolore così forte».

Secondo una prima ricostruzione della tragedia, il giovane era ancora al letto domenica mattina, quando la convivente si è resa conto che qualcosa non andava, che Alex, che aveva solo 29 anni, non stava bene. Immediatamente ha avvertito i soccorsi, ma l'arrivo dell'ambulanza è stato inutile. I sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del ventinovenne. La notizia si è presto diffusa nel paese, lasciando un vuoto in tutti. Commosso e vicino alla famiglia si è detto anche il sindaco Lavalle. La salma del giovane si trova presso l'obitorio dell'ospedale di Cassino, per essere sottoposta all'esame autoptico. Ancora presto per capire quando si svolgeranno i funerali.