Il 24 dicembre il Comune, d'accordo con la Publiparking, per agevolare gli acquisti nei negozi del centro concederà la sosta gratuita per i primi 30 minuti nella cosiddetta "zona B", quella centrale dove il costo è di 1,20 euro l'ora. «La sosta - spiega l'assesore al commercio Chiara Delli Colli - è legata allo stallo.
Dunque se dopo aver fatto acquisti in un negozio ci si sposterà di posto, si potrà usufruire di ulteriori 30minuti.
E così via. Il mio ringraziamento va anzitutto alla collega, l'assessore alla municipale Barbara Alifuoco, che ha trovato un'intesa con la società». Nulla da fare, invece, per quel che riguarda le luminarie. In città brillano solo i giardini curati dai privati in primis la Bpc e la SkF per il resto nulla. Neanche le luci che erano state acquistate lo scorso anno.

In città c'è un certo malumore, ma l'assessore spiega il perchè della scelta: «Quest'anno non ci sembra il caso di addobbare a festa la città. Proveremo a vivere l'atmosfera natalizia ma con sobrietà, anche per rispetto delle vittime del Covid che non hanno risparmiato neanche la nostra città. C'è un secondo motivo, poi, che ci ha spinto a dire di no: ovvero il fatto che, inevitabilmente, finiranno per creare maggiore assembramento. A dir la verità con il sindaco e con la maggioranza avevamo pensato, in unprimo momento, di installare alcune delle luminarie dello scorso anno ma al momento abbiamo deciso di non fare nulla, sosterremo il commercio in altro modo, abbiamo infatti attivato una campagna di sensibilizzazioneper invitarea faregli acquistiin centro, nei piccoli negozi, e non solo sullegrandi piattaformeonline o nei centri commerciali».

Una decisione che è stata adottata già a Milano dall'associazione "vie dello shopping" e,come riportato ieri sulle nostre colonne, anche ad Arce. Ma che, inevitabilmente, ha creato più di qualche malumore perché in tanti preferivano che la città fosse addobbata.