Leggere un buon libro è sempre una buona idea. E in questi giorni è anche un ottimo modo per trascorrere un po' di tempo. La biblioteca è chiusa, si resta a casa, ma è possibile informarsi, arricchirsi dal punto di vista culturale, "viaggiare" con la mente anche con il servizio "alla porta".

In che modo? A causa della situazione Covid-19 la biblioteca di Veroli prosegue comunque la sua attività con il prestito alla porta. Non è possibile pertanto entrare per scegliere direttamente i libri dagli scaffali, ma si potrà consultare il catalogo online http://opac.regione.lazio.it/SebinaOpac/.do?sysb=vallesacco e previa prenotazione ed appuntamento, effettuati direttamente al personale della biblioteca. Tutto spiegato e illustrato anche quotidianamente sulla pagina Facebook della biblioteca e su Instagram.

Promosso anche un contest per i più piccoli. I disegni che ritraggono luoghi di Veroli saranno pubblicate sulle pagine social e verrà consigliato un testo che ne racconta la storia e le origini. Sulla pagina è già stato condiviso e apprezzato un disegno che ritrae il monumento ai Caduti realizzato d una bambina.
«La nostra biblioteca, grazie ad un finanziamento regionale si è arricchita di nuove emissioni editoriali. Abbiamo anche due ragazzi del servizio civile in collaborazione con i professore Paolo Scaccia Scarafoni, il nostro bibliotecario, si sta puntando alla promozione della lettura seppur con la biblioteca chiusa e i Dpcm che vietano gli ingressi all'interno - sottolinea la delegata alla Biblioteca Cristina Verro - Abbiamo acquistato tantissimi nuovi testi e il pubblico sta rispondendo bene. Ci auguriamo di organizzare anche eventi nel corso delle festività natalizie magari con presentazioni on line di libri sulla pagina Fb della biblioteca e su Instagram».