Ricevute le scuse il sindaco Lucio Fiordalisio invita a più responsabilità e ad evitare quanto accaduto domenica scorsa, seppur sottolineando che la situazione sarà vigilata anche durante i prossimi incontri. È quanto ha deciso il primo cittadino del comune lepino che l'altro ieri si è visto costretto a far intervenire i carabinieri in quanto si era creato assembramento davanti alla chiesa di Sant'Anna di Patrica. Chiesa dove il gruppo romeno ortodosso stava celebrando la festa di San Nicola.
Ieri mattina il sindaco ha parlato con il sacerdote che ha celebrato la funzione religiosa e che era stato multato dai militari.

«Ho telefonato al prete responsabile della funzione religiosa, il quale ha chiesto scusa per quanto accaduto domenica scorsa e si è giustificato sostenendo che in tanti erano arrivati per festeggiare il patrono - ha sottolineato Fiordalisio - Ho chiesto al sacerdote più attenzione perché comunque si stanno facendo grossi sacrifici per cercare di mantenere la situazione sotto controllo. È giusto pertanto che tutti diano il buon esempio. Ci dispiace essere intervenuti in questo modo ma per noi era doveroso. Saremo comunque sempre vigili anche nelle domeniche successive, per evitare che accada di nuovo quello che è accaduto ieri (domenica, ndr)».

Numerose le persone che avevano raggiunto la chiesa di Patrica per festeggiare San Nicola e non tutti avevano rispettato il distanziamento soprattutto all'esterno, complice anche la pioggia.