L'ordinanza che non viene rispettata. Al parco Santa Chiara mancano i controlli. I fatti. Lo scorso 25 ottobre il sindaco Roberto De Donatis firmò nuove ordinanze legate all'emergenza sanitaria purtroppo ancora in corso. I provvedimenti, visto il Dpcm del 24 ottobre 2020, furono adottati per contestualizzare sul territorio sorano le nuove misure governative alla luce della dinamica del contagio nella città. Lo scorso 25 ottobre il sindaco ha deciso di chiudere i parchi pubblici, con annesso divieto di accesso alla Rocca Sorella, dalle 17 alle 9, a partire dal 27 ottobre e fino a nuove disposizioni.

Per l'ex villa comunale, però, questo vale solo sulla carta, perché molti ragazzi la frequentano anche quando non si potrebbe. Sabato sera, intorno alle 19, diversi gruppi di giovani erano all'interno del parco Santa Chiara. Ovviamente i ragazzi, trovando i cancelli aperti e non essendoci alcun cartello di divieto d'entrata, vi accedono tranquillamente.

Sarebbe perciò il caso di chiudere i cancelli dell'area verde, proprio come viene fatto per il parco Valente, soprattutto in questo periodo natalizio in cui all'interno dell'ex villa comunale sono stati allestiti sei alberi luminosi che invitano i ragazzi a scattarsi qualche selfie all'imbrunire.