Non si fermano mai e continuano incessantemente i servizi di prevenzione tesi a contrastare la commissione dei reati predatori, reprimere l'uso di sostanze stupefacenti, nonché alla verifica del rispetto della normativa di contenimento epidemiologico da Covid-19.

Ed è così che, a San Vittore del Lazio, i militari della stazione di Acquafondata, nel transitare nei pressi di un bar posto, vicino al casello autostradale, hanno notato che all'esterno si trovavano quattro giovani intenti a discutere tra loro.

Nel corso della loro identificazione, è emerso che tutti erano residenti in comuni dell'alto casertano e, quindi, soggetti alle limitazioni previste dalla cosiddetta "zona rossa" che vietava loro di uscire senza comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità dai paesi di residenza. Per loro le sanzioni previste dal Dpcm.