Prosegue senza sosta la lotta contro lo spaccio di sostanze stupefacenti da parte dei carabinieri della Compagnia di Formia, che hanno messo a segno un altro colpo, pizzicando un trentasettenne di Marina di Minturno, già noto alle forze dell'ordine per precedenti specifici. Questa volta a cadere nella rete dei militari dell'Arma è stato I.L., figura già nota nell'ambiente degli spacciatori locali e coinvolta in altre indagini.

I militari di Scauri, in seguito a una serie di accertamenti, hanno deciso di compiere un blitz nell'abitazione del trentasettenne, che risulta disoccupato. Sono così piombati nell'abitazione dell'uomo, ubicata a Marina di Minturno, ed hanno iniziato una perquisizione, che ha dato si suoi frutti, dimostrando che i sospetti degli inquirenti erano fondati. Nel corso del controllo domiciliare i carabinieri hanno trovato cinquantasette grammi di hashish, suddivisa in varie dosi. La sostanza stupefacente era stata occultata, ma gli uomini in divisa l'hanno trovata e sequestrata, insieme ad un bilancino e ad altro materiale utile per il confezionamento.

Gli stessi investigatori, completata l'operazione, hanno inviato una dettagliata relazione al Tribunale di Cassino, il cui giudice di turno ha disposto gli arresti domiciliari, in attesa dell'interrogatorio di convalida. Il servizio è stato attuato dopo una serie di elementi che i carabinieri avevano raccolto. I militari erano certi che all'interno dell'abitazione dell'arrestato fosse nascosta della sostanza stupefacente e quindi hanno messo a punto il blitz, che è stato attuato nella serata di lunedì. Va detto che l'intervento riguardante I.L. è il terzo arresto effettuato nel Comune di Minturno, nei confronti di persone trovate in possessodi droga.

Gli uomini comandati dal capitano Michele Pascale, infatti, hanno potenziato i controlli, come confermato dall'arresto dell'altra sera, compiuto a Scauri, nei confronti di un quarantaduenne del luogo, trovato in possesso di 2,7 grammi di cocaina. Tre settimane fa, sempre a Scauri, fu arrestata una trentottenne che, a bordo di un'autovettura, trasportava 157 grammi di cocaina e 475 grammi di hashish nascosti in una busta termosaldata. Operazioni che confermano il potenziamento dei controlli.