I banchi dell'usato si sono trasferiti, ma la clientela è scesa. È stato un giovedì magro per i titolari dei banchi dei "panni americani" che ieri mattina alle prime luci dell'alba hanno iniziato ad allestire in via Attilio Roccatani la loro merce.

Tante le offerte, ma poca la gente che forse non sapeva neanche del trasferimento che il sindaco Roberto De Donatis ha reso definitivo con un'apposita ordinanza.
«Hanno riaperto oggi (ieri, ndr) i banchi del settore usato, trasferiti da via Lungo Liri Rosati a via Attilio Roccatani. Sono collegati al resto del mercato, però esattamente al lato opposto - ha detto Antonio Morini, presidente nazionale dell'associazione "Ambulanti Oggi" - Non posso certamente dire che gli operatori sono contenti, però, proprio in previsione della riapertura, per meglio rispettare il distanziamento sociale anche in futuro, vista la disponibilità dell'area mercatale, a nome di tutti gli operatori è stata chiesta al sindaco la possibilità di ampliare lo stallo e in pochi giorni avremo la risposta».

E ieri mattina, per rendersi conto della situazione, De Donatis e il comandante della polizia locale Paolo Rossi hanno dialogato con operatori e residenti della zona.
«Le operazioni si sono svolte senza nessun particolare problema sin dalle prime ore del mattino  - ha detto il comandante Rossi - Il trasferimento dell'area non ha generato particolari malumori. Gli agenti della polizia locale hanno operato in tranquillità. Sicuramente riscontriamo un miglioramento della viabilità del centro storico».

«Questa è un'area che gode di un'ottima possibilità di vendita perché è presente qui un parcheggio immediatamente accessibile - ha aggiunto il sindaco De Donatis - Dagli operatori ho riscontrato, seppur un certo rammarico perché non c'è l'abitudine a questa novità, la disponibilità a collaborare. I presupposti ci sono tutti».