I ragazzi si dondolano sull'altalena. I più grandi al bar.
Scena di una domenica. E i bambini? Guardano.
Guardano perché il loro gioco è rotto. Largo Turriziani, le mamme coni passeggini sono sedute sulle panchine con i figli a pochi metri perché nell'unico gioco disponibile non possono entrare. Chiuso da due sbarre di legno. Era il 4 ottobre, quando una mamma chiamò i vigili urbani. Il percorso con il tunnel si era fatto pericoloso per una voragine. Mettere il piede in fallo poteva essere pericoloso. I vigili intervennero con il nastro bianco e rosso per interdirne l'accesso. Quel blocco ora è definitivo.

In attesa che qualcuno decida di riparare il gioco e rimetterlo a disposizione dei più piccoli, già così penalizzati dalla pandemia. Quel giorno, quando il gioco fu chiuso c'era il consigliere Christian Bellincampi. Che dice: «Nelle ristrettezze economiche al Comune hanno preso la palla al balzo del Covid per chiudere il gioco. Stanno aspettando i lavori di riqualificazione della piazza con il rifinanziamento dei piloni. Ma c'è da capire meglio come impatterà sul traffico del centro storico. C'è la proposta di chiudere alle auto e dirottare il traffico nel centro storico. Pensiamo però alla terrazza del Belvedere, è bastato chiudere una strada per riappropriarsi degli spazi. C'è un progetto dei 5 Stelle di rendere accessibile solo ai residenti il centro storico e liberare le piazze».