Indagine sull'assegnazione di 36 alloggi popolari, archiviato il caso. Lo comunica in una nota il sindaco Morini: "Apprendiamo con grande soddisfazione la notizia dell'archiviazione dell'indagine condotta a carico della passata giunta comunale sulla vicenda dell'assegnazione dei 36 alloggi popolari, per effetto gli indiziati sono stati prosciolti ancora prima dell'inizio del processo."

"Ricordiamo - prosegue la nota del primo cittadino - che l'indagine era scaturita dalla richiesta inoltrata dalla stessa amministrazione comunale alla Guardia di Finanza competente territorialmente per la verifica della documentazione prodotta e dei requisiti degli aspiranti, nella fase di presentazione della domanda. Da qui nacque un'indagine anche a carico dell'allora giunta che si è risolta positivamente, ma non senza una ingiusta e immeritata sofferenza.

Abbiamo sempre riposto assoluta fiducia nella Giustizia e nella capacità dei magistrati di comprendere, con lucidità e rigore, come si fossero svolti i fatti. Questo esito ci conferma, oggi, nella piena fiducia nell'operato della Magistratura.

Il proscioglimento, in fase preliminare, è un'ulteriore prova dell'onestà e della correttezza di questa e della passata amministrazione, a dispetto di qualche isolata voce animata, ancora e soprattutto, da invidia e rancore. Inoltre, ci rammarica ancora di più, che in questa vicenda anche alcune persone a noi vicine avrebbero auspicato una conclusione ben diversa, sforzandosi di inventare ipotesi sensazionali e fantasiose.

Alla luce di come si è conclusa questa storia, ci piace anche ricordare alcuni post offensivi scritti da noti "leoni da tastiera" in relazione ai quali stiamo valutando come poterci difendere. Vogliamo, invece, riconoscere a tutte le minoranze consiliari un'assoluta compostezza e serietà, per non aver voluto mai "cavalcare" politicamente e mediaticamente una vicenda che, oggettivamente, si presentava assurda, anche per loro dall'esterno, e di questo sinceramente le ringraziamo.

In ultimo un ringraziamento ai nostri avvocati che fin dall'inizio hanno creduto alla nostra totale innocenza e ci hanno sempre rassicurato sul buon esito della vicenda."