Ieri la commissione sanità si è riunita in teleconferenza su invito del presidente Augusto Vinciguerra per discutere della trasformazione del Santissima Trinità in ospedale "no covid". Presenti al tavolo virtuale della commissione la vicepresidente Maria Paola D'Orazio, Maria Paola Gemmiti e Anselmo Cioffi.

Sono intervenuti anche Carlo Recchia e il consigliere regionale Loreto Marcelli. Hanno preso la parola inoltre i consiglieri Luca Di Stefano, Serena Petricca, Massimiliano Bruni e Floriana De Donatis.

«Per dare risposte sia sui reparti che già esistono sia su quelli che verrebbero trasferiti bisogna garantire le risorse umane, oltre a quelle tecniche  - ha detto il sindaco Roberto De Donatis - Il Covid è presente nel nostro territorio e questo potrebbe avere ripercussioni sull'ospedale che pur essendo "no Covid" potrebbe avere dei problemi, come già è accaduto nel reparto di oncologia che è attualmente chiuso perché ci sono degli infermieri positivi; in medicina generale ci sono altre unità operative che hanno avuto il virus. Bisogna dotare l'ospedale della forza per poter poi gestire i vari reparti e dare le risposte che occorrono. Dato che il clima si sta irrigidendo, mi sono detto disponibile a utilizzare il PalaPolsinelli per eseguire i tamponi con il drive-in».

A tracciare il bilancio dell'incontro di ieri è il presidente della commissione Vinciguerra: «Una riunione proficua.
Si è parlato di politica a servizio della sanità. Verrà sottoscritto un documento da parte della commissione da sottoporre ai sindaci del territorio ed ai vertici della Asl nella riunione che De Donatis avrà giovedì on line alle 17.30. Il pronto soccorso di Sora è in sofferenza e vogliamo che venga garantita una zona di controllo per chi accede in urgenza, con esami rapidi. Abbiamo bisogno di personale medico e dell'attivazione di un laboratorio molecolare per processare i tamponi a Sora, senza farli viaggiare per la provincia. Dalla direzione generale dell'Asl attendiamo un cronoprogramma - chiude Vinciguerra e, rivolgendole i migliori auguri, invitiamo il neo direttore generale Pierpaola D'Alessandro a visitare il nostro ospedale».