Il sogno per Arpino è svanito. Non sarà la patria di Cicerone la "Capitale italiana della cultura per l'anno 2022". Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo ha diramato poco fa l'elenco delle dieci città che la giuria ha selezionato per la fase finale.

Arpino non è rientrata nell'elenco delle finaliste. L'amministrazione del sindaco Renato Rea, supportata dall'intero territorio, credeva di poter vivere ancora la splendida avventura, ma oggi è arrivato il giorno di scendere dal treno dei desideri.

Resta l'amaro in bocca, ma il viaggio è stato entusiasmante, e quanto è stato seminato in questi mesi non andrà sicuramente perso.