Approvato il programma di servizio civile universale "insieme per il sociale" che vedrà impegnati tantissimi giovani. La soddisfazione è tutta nelle parole del sindaco di Castelnuovo Parano, Oreste De Bellis. «Anche quest'anno è stato approvato il programma di servizio civile universale che ha cambiato veste ed ha dato modo ai nostri comuni, coordinati dal comune di Castelnuovo, quale ente capofila, e dalla comunità montana, il Consorzio dei servizi sociali del Cassinate e i comuni di Ausonia, Coreno, Esperia, Vallemaio e Sant'Andrea del Garigliano, di lavorare insieme.

Abbiamo visto approvati ben cinque progetti che spaziano in diverse aree d'intervento, coprendo così le necessità di natura sociale e ambientale di un vastissimo territorio che va dal golfo di Gaeta fino alla valle di Comino». «I progetti approvati sono quelli di riqualificazione urbana e ambientale del territorio dagli Aurunci alla Valle di Comino, presentato dal comune di Castelnuovo, che occuperà 149 volontari e di salvaguardia e tutela del Parco dei monti Aurunci e del Parco dei monti Ausoni e lago di Fondi, presentato dal parco degli Aurunci e che impegnerà 56 volontari. C'è poi il progetto "Help" per adulti e terza età in condizioni di disagio dagli aurunci alla valle comino, che riguarderà 286 giovani ed è stato presentato dal Consorzio dei comuni del Cassinate.

Ci sono infine i progetti "tuteliamo e valorizziamo i beni culturali, storici artistici museali e librari "dagli Aurunci alla valle Comino", presentato dall'Unione delle 5 città, e "promozione educativa e culturale dei giovani dagli Aurunci alla valle Comino" per 133 volontari, presentato dall'Unione dei comuni della valle di Comino. Ogni progetto – ha spiegato il sindaco di Castelnuovo - è stato presentato da un ente capofila, quindi in sinergia è stata predisposta una fitta rete di partenariati di supporto per l'inserimento dei volontari nei progetti». «Abbiamo ottenuto un grande risultato, ancora una volta frutto della collaborazione degli enti del nostro territorio, che in questa occasione hanno messo in campo tutte le loro energie per dare nuove opportunità a ottocento ragazzi di età compresa tra i diciotto e i ventinove anni» ha aggiunto De Bellis.