Non c'è solo la movida che ha spesso dato sfoggio di sé. Ma gli assembramenti sono ovunque. I più gettonati sono organizzati da ragazzi o da minorenni e coprono varie zone della città. Basta un angolo dove sedersi e iniziare a bere (anche con birra acquistata nei supermercati) senza pensare più a nulla. Lo testimonia l'area dell'ex mercato coperto, la zona Restagno, la via per Montecassino o finanche i...cimiteri.

Ecco allora che Salera fa un appello ai genitori.
«Devono raccomandare ai propri figli di non partecipare agli assembramenti e di prestare attenzione perché poi espongono i più grandi ai contagi».

Sulla moda di riunirsi, nel weekend per il brindisi pre-chiusura che dice?
«Proprio per quello abbiamo concordato con le forze di polizia la partenza dei controlli alle 16.30».

E per quanto riguarda gli assembramenti isolati? «Anche lì il problema c'è ma è complicatissimo controllare l'intera città. Sono andato a deporre la corona al cimitero inglese e ho trovato i resti di un bivacco con cartoni di pizza e bottiglie di birra. Ecco perché è una questione di educazione. Faccio un appello a tutti quelli che hanno un ruolo educativo nella vita dei giovani per aiutarli a capire questo momento e il senso civico».