Una emergenza che non conosce fine ma che rappresenta sempre più un problema cultura. È quello dell'abbandono di rifiuti che continua a interessare prepotentemente la città di Pontecorvo. Nel corso degli ultimi anni si è molto discusso sulla nascita di discariche abusive nelle diverse zone del territorio. Dalle campagne come nel centro cittadino gli incivili hanno gettato, e continuano a gettare, rifiuti di ogni genere non preoccupandosi minimamente delle problematiche che continuano a creare all'ambiente sempre più martoriato da questa situazione.

Nel corso degli ultimi giorni sono stati tanti i ritrovamenti: dai classici materassi agli elettrodomestici fino ad arrivare ai calcinacci. Ogni genere di rifiuto gettato senza preoccuparsi minimamente delle conseguenze che questi avranno per l'ambiente e il decoro pubblico. I più "educati" abbandonano questi rifiuti nei pressi dei cassonetti lasciando, così, il problema agli addetti dell'Azienda speciale multiservizi che devono poi farsi carico di risolvere il problema.

I più "incivili", invece, decidono di abbandonare il tutto in mezzo alla vegetazione non preoccupandosi minimamente del danno che andranno a provocare. A destare maggiore scalpore negli ultimi mesi è un'auto mobile abbandonata nei pressi del ponte nuovo. Lasciata lì da mesi è stata completamente distrutta dai vandali e, ultimamente, non ci sono neanche più le targhe. La vettura ora è stata anche parzialmente coperta dalla vegetazione.

Ma ci sono mezzi per prevenire? Le azioni sono state messe in campo, i deterrenti anche, i controlli avviati.
Ma l'atteggiamento incivile di alcuni non si è fermato.
Appare quindi sempre più evidente che non sia un problema di repressione o di punizioni ma, piuttosto culturale. Dove chi, ancora oggi, non ha compreso l'importanza di rispettare l'ambiente che ci circonda, unico patrimonio comune che appartiene a ogni singolo cittadino.