Sarebbe un bellissimo regalo di Natale. Infatti, nel periodo festivo che si sta avvicinando, l'Europa e l'Italia potrebbero trovare sotto l'albero l'atteso vaccino contro il Coronavirus. «Non siamo ad anni luce di distanza - ha dichiarato in proposito Jonathan Van-Tam, vicecapo dei consiglieri medici del Governo inglese - Non è irrealistico aspettarsi che potremo distribuire il vaccino subito dopo Natale». Quello a cui fa riferimento l'autorevole esperto è il siero in fase di sperimentazione avanzata nei laboratori di Oxford, in collaborazione con il centro italiano di Pomezia, che verrà prodotto dalla "Astra Zeneca", colosso mondiale dell'industria farmaceutica.

La Fase Tre dei test, secondo indiscrezioni riportate ieri dal "Sunday Times", potrebbe iniziare a dicembre ed è possibile che la distribuzione parta entro la fine dell'anno. L'Italia, che collabora alla produzione con i laboratori di Pomezia, ha già prenotato un vasto quantitativo di dosi che "Astra Zeneca" distribuirà in tutta Europa. L'ipotesi di avere un vaccino contro il Covid-19 già a fine 2020, osserva Van-Tam, «avrebbe un impatto significativo sui ricoveri in ospedale e sul numero delle vittime». Intanto, il "Mail on Sunday" ha pubblicato un video che mostra le prime dosi del vaccino sviluppato dalla americana Pfizer, che escono dagli stabilimenti di Puurs in Belgio. Verrà distribuito in tutto il mondo quando si saranno conclusi con successo i test clinici.