La Regione Lazio ha disposto una quota pari a 100.000 dosi di vaccino antinfluenzale disponibili nelle farmacie per l'erogazione ai cittadini, ad un prezzo di 9,50 euro. Per i cittadini con età compresa tra i 18 e i 60 anni, non appartenenti a categorie di rischio per patologia o esposizione professionale, sarà possibile l'erogazione del vaccino in modalità "distribuzione per conto" (Dpc). Il cittadino dovrà presentare la prescrizione medica su ricetta del Servizio Sanitario Nazionale dematerializzata, o rossa, in cui sia riportato esclusivamente il prodotto monodose Vaxigrip Tetra 1 siringa preriempita 0,5 ml Aic 044898017.

Spiega il presidente dell'ordine provinciale dei farmacisti Riccardo Mastrangeli: «Sulla base della ricetta presentata, la farmacia provvederà ad ordinare il vaccino, per la consegna successiva del prodotto. È stato anche specificato che il vaccino è dispensabile esclusivamente con ricette rosse o Dem della Regione Lazio. E che non sono accettate ricette fuori regione. La farmacia è tenuta a verificare se il cittadino rientra nella fascia di età 18-59 anni, invitandolo, nel caso non vi rientri, a rivolgersi alla struttura preposta in base alle fasce di età».

Nella regione Lazio le modalità di erogazione dei vaccini è la seguente: da 6 mesi a 5 anni è gratuito e somministrato dai pediatri. Da 6 a 17 anni con quota di partecipazione e somministrato presso il Centro Vaccinale della Asl. Da 18 a 59 anni: acquistato in farmacia a carico del cittadino (9,50 euro), con obbligo di ricetta come sopra descritto. Oltre i 60 anni, gratuito e somministrato dai medici di medicina generale.