Nuova ondata di cig nello stabilimento Fca. Ieri pomeriggio l'azienda ha comunicato alle Rsa di stabilimento che i cancelli della fabbrica resteranno chiusi dal 19 al 26 ottobre per quel che riguarda gli operai impiegati sulla linea di Giulia e Stelvio. Cassa integrazione anche su Giulietta, ma solo due giorni: il 19 e 20 ottobre.

Si lavora maggiormente sulla linea della compatta di segmento C per smaltire le ultime unità: il mese prossimo, al più tardi entro dicembre, dovrebbe infatti uscire fuori produzione. Poi sulle linee del sito pedemontano, a partire dal 2021, arriverà Grecale: il Suv a marchio Maserati.

E i riflettori sono dunque puntati sul futuro. Mike Manley, Ceo di Fiat Chrysler Automobiles, nei prossimi giorni offrirà la sua visione su come rilanciare il mercato automobilistico europeo la prossima settimana in un seminario sponsorizzato dall'associazione di settore Acea (Associazione di costruttori di auto in Europa).
Manley, che è presidente di Acea, pronuncerà il suo discorso prima di un dibattito tra esperti del settore su come garantire che la ripresa sia anche rispettosa dell'ambiente.

Le vendite sono ricominciate a salire in alcuni mercati a partire da giugno, aiutate dagli incentivi e dalla domanda repressa, ma le preoccupazioni per una seconda ondata di infezioni da coronavirus hanno frenato le previsioni ottimistiche di ripresa. La pandemia che ha colpito l'Europa a partire da metà marzo, ha portato a diversi mesi di chiusure di fabbriche e concessionarie. Le case automobilistiche hanno ridotto le vendite, la produzione e le previsioni di profitto e molte si sono mosse per proteggere le proprie finanze rafforzando il credito disponibile. Gli analisti prevedono che quest'anno le vendite in Europa diminuiranno di almeno il 20%, con un ritorno ai livelli pre-pandemici.